Australia 25/11/19,  Viaggiare

PINNACLE DESERT: un deserto di roccia

10 Settembre, una di quelle date che segna una svolta. Una partenza che ricorderò per tutta la mia vita.

Dopo mesi di stop causa Covid-19 possiamo finalmente rimetterci in viaggio. Un’emozione indescrivibile dopo così tanto tempo. Quasi avevamo dimenticato il significato e la sensazione di libertà che ne deriva.

Partiamo da Perth in tarda mattinata. Ce la prendiamo con calma perché è ufficialmente iniziata la nostra libertà. La libertà di decidere come organizzare il nostro tempo. Dopo un paio di ore arriviamo alla nostra prima destinazione: Pinnacle Desert a quasi 200 km da Perth.

Si tratta di un deserto composto dai cosiddetti pinnacoli, letteralmente rocce appuntite che spuntano dal terreno.

Non c’è molta certezza sulla modalità attraverso cui si siano formate queste rocce ma l’atmosfera che creano è qualcosa di indescrivibile, soprattutto al tramonto. Quando tutto si dipinge di rosso e la terra riflette i colori del sole e delle nuvole. Tutto si trasforma, come se qualcuno si divertisse ad aumentare la saturazione all’improvviso.

Ci addentriamo nel parco quando il sole inizia già a calare.

Scopriamo che ci sono due percorsi. Un loop da fare in auto della lunghezza di 4 chilometri e uno a piedi di 1,2 chilometri.

Decidiamo di farli entrambi partendo da quello in auto per esplorare la zona. Appena entrati ci rendiamo conto di essere in un luogo magico.

Siamo solo noi in un deserto pieno di rocce, le nuvole cariche di pioggia all’orizzonte e una brezza leggera che arriva dal mare poco distante.

Ad un tratto inizia a piovere e davanti a noi assistiamo ad uno spettacolo senza eguali. Un bellissimo arcobaleno si mostra in tutta la sua bellezza esattamente sopra le nostre teste.

In quel momento non avrei desiderato di essere in nessun altro posto al mondo. La mia avventura stava iniziando e proprio lì mi sono resa conto di quanto fossi fortunata. Avevo scelto il mio destino e mi sentivo libera. Dopo tante fatiche il viaggio che avevo pianificato e sognato da mesi era realtà.

Decidiamo di lasciare il van parcheggiato e ci addentriamo a piedi nel parco. Camminare in mezzo alle rocce e sentire il rumore del vento è stata un’emozione unica.

Mi ricorderò per sempre di questo luogo come la tappa che ha segnato l’inizio di un lungo ed entusiasmante viaggio. Forse è proprio per questo che per me ha un significato così speciale.

Dopo aver esplorato in lungo ed in largo tutto il parco decidiamo di cercare un posto dove passare la nostra prima notte in van. Ci ritroviamo nella piccola cittadina di Cervantes, a qualche chilometro di distanza.

Intravediamo un Caravan Park ma dopo aver fatto un piccolo giro ispettivo della cittadina notiamo una piazzola di sosta sul mare.

Completamente deserta. Nessuno nei paraggi.

Così decidiamo di sfruttarla per la notte.

Cosa c’è di meglio che addormentarsi con il rumore del mare e svegliarsi all’alba pronti per una nuova giornata all’insegna dell’avventura?

Il video della nostra prima giornata di viaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.